PRIGIONIE (IN)VISIBILI

Dal 7 al 13 dicembre, allo Scalone Vanvitelliano di Pesaro, la mostra Prigionie (in)visibili – il teatro di Samuel Beckett e il mondo contemporaneo, a cura di Yosuke Taki, inaugura il Festival Destini Incrociati, una 3 giorni di spettacoli, esiti di laboratorio, video, incontri di approfondimento, conferenze, mostre, convegni dedicati al teatro in carcere, che si svolgerà  dall’11 al 13 dicembre in diversi spazi della città.

Prigionie (in)visibili: dalla sensibilità di un artista come Yosuke Taki, regista teatrale, artista e scrittore, nasce questa mostra multimediale dedicata a Samuel Beckett, composta da immagini fisse e in movimento. L’interpretazione delle opere di Beckett ha subito forti cambiamenti: dopo la sua morte infatti, la stessa Aspettando Godot  ha dimostrato di essere un’opera capace di stimolare sensibilità reali (sociali, politiche, psicologiche) che respirassero nel presente della Storia, un po’ come lo era Godot all’origine.

“La mostra percorre cambiamenti ed elementi costanti nell’approccio alle opere di Beckett, – afferma lo stesso Yosuke – invitando i visitatori ad interrogarsi sul rapporto tra il teatro e il mondo, nel periodo a cavallo tra il XX e il XXI secolo.”

Yosuke sostiene che “chi ha capito subito e da sempre il vero senso della drammaturgia di Beckett sono stati i carcerati. A cominciare dal prigioniero di un carcere tedesco, che tradusse e mise in scena Godot nel 1953, pochi mesi dopo la sua prima mondiale, fino ad oggi, moltissimi carcerati nel mondo e i loro laboratori teatrali hanno continuato a portare sul palcoscenico Godot e altre opere beckettiane. Come mai quest’affinità tra Beckett e la prigione? Perché i carcerati hanno sempre riconosciuto una forte corrispondenza tra la loro condizione e le opere di Beckett. Vi leggevano il vero senso della prigionia. Beckett non descriveva la vita di carcerati. Semplicemente, è così che vedeva l’umanità. L’umanità, per lui, è sempre inconsapevolmente imprigionata, seppure comicamente.”

La mostra sarà aperta dal 7 al 13 dicembre, dalle 16.30 alle 19.30

Ingresso libero con Card Pesaro Cult.



Info

Programma su www.teatrocarcere.it

E-mail: info.aenigma@gmail.com

Mostra Prigionie (in)visibili presso lo Scalone Vanvitelliano: ingresso libero con Card Pesaro Cult / apertura mostra dal 7 al 13 dicembre, dalle ore 16.30 alle 19.30 / info 392 3841677 – Pesaro Musei Tel. 0721 387541, pesaro@sistemamuseo.it, www.pesaromusei.it – MACULA info@spaziomacula.it

Spettacoli presso la Casa Circondariale: ingresso riservato / info 333 6564375

Spettacoli presso la Chiesa della Maddalena e Chiesa dell’Annunziata: ingresso libero con voucher da ritirare presso lo Scalone Vanvitelliano durante gli orari di apertura della mostra dal 7 al 13 dicembre, dalle ore 16.30 alle 19.30 / info 392 3841677
Laboratori e rassegna video presso Villa Borromeo: info 340 6045421


DESTINI INCROCIATI

progetto nazionale di teatro in carcere

 

è un progetto ideato e promosso da:

Teatro Aenigma

Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere

 

con il sostegno di:

Ministero per i Beni, Attività Culturali e Turismo

 

che si svolge in collaborazione con:

Ministero della Giustizia

DAP-Istituto Superiore di Studi Penitenziari

PRAP Marche / Direzione Casa Circondariale di Pesaro

 

con il patrocinio di:

Regione Toscana

Regione Marche

Comune di Pesaro

Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”

ITI International Theatre Institute

IUTA International University Theatre Association

ANCT Associazione Nazionale Critici di Teatro

 

con la partecipazione di:

Università Roma Tre

AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali

MACULA – Centro Internazionale di Cultura Fotografica

Ortopolis_arti in rete

WePesaro Cultura

Pesaro Musei

SPAC Sistema Provinciale Arte Contemporanea

Sistema Museo

 

media partner:

Rivista Europea Catarsi-Teatri delle diversità

 

La mostra

PRIGIONIE (IN)VISIBILI

IL TEATRO DI SAMUEL BECKETT E IL MONDO CONTEMPORANEO

è gentilmente messa a disposizione dal

Dipartimento Cultura di Roma Capitale

Servizio Spazi culturali

webdesign: Marco Livi